Donnalucata On Line  l  Notizie storiche  l  Dove siamo  l  Chi siamo  l  E-mail

 

MONTEROSSO ALMO

Il territorio di Monterosso fu abitato già in tempi preistorici come è possibile dedurre sia dalle grotte sepolcrali ritrovate in C.da Calaforno, sia quelle ritrovate in C.da Monte Casasia. Monterosso deve probabilmente il suo nome all’avvenuta edificazione sul Monte Casale, di un castello, di cui oggi non è rimasta traccia, da parte di Enrico il Rosso di Aidone, figlio di Federico II. In età normanna venne aggiunto il suffisso Almo, eccellente, con riferimento alle qualità panoramiche del territorio. La città di Monterosso Almo entrò a far parte della contea di Modica a partire dal 1393, sotto Bernardo Cabrera, e, dopo un breve periodo di dominio dei Perollo, tornò ai Cabrera all'inizio del XVI secolo.
Nel ‘700 venne costruito il convento nell’ambito della ricostruzione post-terremoto del 1693 che aveva raso Monterosso al suolo, assieme alla chiesa di S. Giovanni nella piazza omonima, nonché la chiesetta di S. Anna con a fianco il palazzo comunale.
Sempre in piazza S. Giovanni, all’imbocco di Corso Umberto I furono poi costruiti palazzo Noto e Palazzo Cocuzza. Meritano una visita altresì la chiesa Madre (SS Annunziata), il Santuario di Maria Addolorata che le si trova proprio di fronte.

 
La Matrice
 
La Matrice
 
Chiesa di Maria SS Addolorata
 
Panorama
 
       
Sant'Anna e il Municipio
Chiesa di Sant'Anna
Piazza Santo Antonio
Casa Palazzata
       
Piazza San Giovanni
Piazza San Giovanni
'O Tunnu (abbeveratoio)
'O Tunnu (abbeveratoio)
       
Palazzo Cocuzza
Palazzo Barone Noto
Chiesa di San Giovanni
Chiesa di Maria SS Addolorata
       
Fregio decorativo
Corso Umberto I
Il Convento
Vicolo
       

NON SOLO DONNALUCATA